Cina: Il villaggio ‘nascosto’ dei malati di cancro

Pubblicato il 14 novembre 2012

villaggio malati i cancroE’ dal 2008 che i media sono interessati al villaggio di Houwanggezhuang a 40 km nord est da Pechino, un piccolo paesino dove il cielo è quasi sempre coperto da nubi gassose e il fiume che l’attraversa emana un tanfo ‘malato’, colpa delle sostanze tossiche scaricate dall’enorme fabbrica chimica situata proprio nel mezzo della cittadina.

‘La città avvolta dall’ombra del cancro’, così è stata definita in seguito all’ondata di decessi causati da tumori, probabile conseguenza dell’inquinamento atmosferico e delle emissioni di rifiuti nocivi che hanno colorato di nero le acque del fiume.

Sono circa 25 le vittime negli ultimi tre anni, tra le quali tantissimi giovani.

“Di notte la fabbrica lavora a pieno ritmo e nell’aria si sente un odore forte di bruciato” racconta un abitante a proposito degli effetti della lavorazione del poliacrilammide che si utilizza per fare gli imballaggi alimentari. “Non sappiamo se sia stata la fabbrica a causare la malattia ma tutti sanno che le fabbriche dovrebbero essere lontane dai centri abitati”

Approfondire l’argomento sembra quasi impossibile. La gente è inavvicinabile e per le strade ci si imbatte in insoliti guardiani che impediscono alla stampa di accedere agli spazi e fare domande.

Il Telegraph ha cercato di fare chiarezza sulla questione intervistando le persone del posto ma i giornalisti sono stati allontanati da alcuni volontari incaricati di ‘proteggere’ le informazioni, finchè non è arrivata la Polizia che ha chiesto di cancellare tutte le riprese.

In effetti questo è avvenuto proprio quando la Cina celebrava il 18esimo conclave del Partito Comunista, inneggiando al progresso tecnologico ed ecologico del suo Paese.

Hu Jintau, leader della coalizione ha infatti parlato di ambiente nel suo discorso di apertura: “Il benessere ambientale è importante per il popolo e per il futuro della Cina. Dobbiamo lasciare alle nostre generazioni future una terra bellissima con campi verdi, acqua pulita e cielo limpido”

Fatta eccezione però, verrebbe da dire, per i ragazzi di Houwanggezhuang

0